Tour Religiosi

Turismo Religioso

Il turismo cresce e si diversifica ma le ragioni che ci spingono a viaggiare sono sempre state le stesse in ogni tempo: per svago, per studio, per desiderio di scoperta o di crescita religiosa.

Il turismo religioso cristiano è un fenomeno che risale al periodo paleocristiano ovvero al tempo delle origini del cristianesimo. Sappiamo infatti che a quel tempo si viaggiava sulle orme dei santi alla ricerca delle loro reliquie e dei luoghi sacri, ben prima che il turismo diventasse un fenomeno globale e alla portata di tutti. La voglia di spiritualità ha tuttavia da sempre caratterizzato l’uomo, tanto che alcune delle maggiori espressioni dell’arte e della cultura affondano le loro radici proprio nella religione cristiana.

Turismo Religioso a Siracusa

Siracusa rappresenta una delle mete irrinunciabili per ogni fedele che visiti la Sicilia. La città ospita infatti ogni anno un numero altissimo di pellegrini che si recano a visitare i luoghi di Santa Lucia e il santuario della Madonnina delle Lacrime, i luoghi di San Paolo e le diverse catacombe siracusane: di San Giovanni, di Santa Lucia o di Vigna Cassia.

Noto – il Patriarca di Venezia e la sua comunità

Siracusa  è meta essenziale per chi ha fatto della religione una ragione di vita e per chi voglia conoscere alle radici un mondo che ha saputo creare arte e architetture nuove.

Che facciate parte di gruppi parrocchiali, siate semplicemente una coppia o una famiglia sarò lieta di accompagnarvi alla scoperta della Siracusa Sacra e qualora aveste l’esigenza di essere assistiti a 360 gradi, vi metterò in contatto con Tour Operator di comprovata esperienza, che soddisferà tutte le vostre richieste. Siracusa è infatti ricca di hotel e di strutture ricettive dedicate a viaggiatori come voi, che spesso sono alla ricerca della quiete dei conventi o di piccoli alberghi gestiti da religiosi, anche lontani dal traffico del centro città.

Ecco allora le mie proposte per voi:

In pellegrinaggio a Siracusa: dalla testimonianza dei martiri al XX secolo

Questo itinerario della durata di tre/quattro ore è perfetto per coloro i quali desiderano visitare i luoghi dei primi martiri siracusani (come San Marciano e Santa Lucia), le catacombe siracusane e la Basilica Santuario dedicata alla Madonnina delle Lacrime, consacrata nel 1994 da papa Giovanni Paolo II.

Siracusa – Santuario della Madonnina delle Lacrime

All’esperienza religiosa è possibile abbinare anche quella culturale. Siracusa ha infatti lasciato all’umanità un’eredità culturale vastissima: artisti, filosofi e matematici hanno vissuto qui oppure qui sono nati. Uno per tutti il grande Archimede! Un viaggio a Siracusa è un salto all’indietro nel tempo, reso possibile dall’opportunità di visitare alcuni dei siti archeologici più suggestivi, ricchi e meglio conservati della Sicilia come il parco archeologico della Neapolis, con il Teatro Greco e l’Anfiteatro Romano. Il centro storico è invece ricco di  templi, che sono gli edifici del passato che normalmente colpiscono di più voi visitatori, a cui si affiancano le chiese barocche e gli edifici medievali. I tanti musei, che custodiscono un tesoro che abbraccia oltre 4 mila anni di storia, completano il quadro culturale della città.

Parco Archeologico della Neapolis con l’Associazione Giovani Cabriniani

All’itinerario religioso potrete quindi abbinare uno qualsiasi tra quelli culturali sia a Siracusa che a Noto:

Siracusa Tour Classico

Siracusa Tour Archeologico

Noto

Basilica Santuario della Madonnina delle Lacrime e la “casa del pianto”

La prima tappa del nostro tour è rappresentato dalla visita del Santuario della Madonnina delle Lacrime, che è stata innalzato per ricordare la miracolosa lacrimazione di un quadretto in gesso raffigurante il Cuore Immacolato di Maria, che pianse per quattro giorni dal 29 agosto al primo di settembre del 1953. L’edificio è un immenso cono in cemento armato e rappresenta uno dei luoghi della città a cui i siracusani sono più legati. Il Santuario ospita anche il Museo della Lacrimazione, con alcuni dei pezzi legati all’evento miracoloso e il Museo degli Ex voto, con oltre mille cuori in argento e centinaia di oggetti donati appunto per grazia ricevuta. A pochi passi dal santuario si trova la cosiddetta “casa del pianto” ovvero la casa in cui pianse la Madonnina, trasformata in seguito in piccola cappella. La “casa del pianto” è aperta solo la mattina per cui vi sconsiglio di programmare questo tour nel pomeriggio.

La cripta di San Marciano, la basilica e la catacomba di San Giovanni

Il complesso della catacomba di San Giovanni è uno dei poli più interessanti della Siracusa sotterranea. La vastità delle catacombe siracusane, seconde soltanto a quelle romane, testimoniano infatti il ruolo fondamentale svolto da Siracusa in periodo paleocristiano e poi tardo antico.

La basilica di San Giovanni Evangelista si trova alle spalle della catacomba e venne edificata sopra la cosiddetta Cripta di San Marciano, considerato dalla tradizione il primo vescovo di Siracusa.

Siracusa – basilica di San Giovanni

In alternativa al complesso monumentale di San Giovanni, e su prenotazione, e possibile visitare la catacomba di Santa Lucia. Qui venne seppellita la vergine e martire siracusana Lucia, il cui loculo,venne in seguito isolato e monumentalizzato in quello che oggi noi siracusani chiamiamo il sepolcro. La basilica, il sepolcro e la catacomba di Santa Lucia rappresentano il cuore del culto di Lucia. Se siete curiosi di conoscere il culto e la festa di Santa Lucia a Siracusa nel mio blog troverete un bell’approfondimento. E ricordate di Santa Lucia ce n’è una sola ed è siracusana!  

Siracusa – catacomba di Santa Lucia

Chiamatemi o scrivetemi per prenotare perchè sarò felice di accompagnarvi in questo tour religioso a spasso nella mia città.

 

I commenti sono chiusi